Investire nel petrolio, consigli per il trading online - Numedi

Investire nel petrolio, consigli per il trading online

Il petrolio ha svolto un ruolo unico nell’economia e nella storia dell’epoca moderna. Nessun’altra materia prima si è rivelata tanto decisiva nel plasmare il destino delle nazioni, lo sviluppo delle strategie militari, il commercio internazionale e le relazioni tra Paesi. Più di qualsiasi altra materia prima, il petrolio ha influito sulle nostre esistenze al punto da meritarsi l’appellativo di “oro nero“.

Cenni storici e analisi macro

Il petrolio è una miscela liquidi di vari idrocarburi che si trova in giacimenti negli strati superiori della crosta terrestre. È detto greggio il petrolio che viene estratto dai giacimenti, prima di subire qualsiasi trattamento per trasformarlo in prodotto lavorato.
I derivati del petrolio erano stati sfruttati sin dagli albori della civiltà umana, in particolare nell’antica Mesopotamia e nel Medio Oriente, dove una primitiva ma importante industria petrolifera forniva asfalto per la costruzione di strade, mastice per rendere stagni gli scafi delle navi, componenti per medicinali o come combustibile per l’illuminazione. Tuttavia, dopo essere stato ampiamente sfruttato nell’antichità, per molti secoli il petrolio è stato praticamente ignorato.

Dopo un lungo periodo di oblio, il petrolio fa una parziale ricomparsa intorno alla metà degli anni cinquanta dell’Ottocento, periodo in cui vengono condotti esperimenti da parte di chimici per raffinare la materia prima e ottenerne combustibile per l’illuminazione. Quando l’olio di balena, usato per l’illuminazione dalle classi abbienti, iniziò a scarseggiare il petrolio, anche se con difficoltà, iniziò a penetrare nel mercato anche perché se ne produceva ancora poco e con metodi improvvisati.

La grande rivoluzione arrivò nel 1859 in Pennsylvania, quando per la prima volta Edwin Drake riuscì ad estrarre il petrolio dai suoi depositi di roccia sotterranea con un articolato dispositivo di perforazione. Ne venne fuori così tanto greggio che si pensò di stoccarlo in barili di legno utilizzati per il commercio di whisky, che hanno un formato standard da 42 galloni (circa 159 litri). Di lì a poco, tutti i cercatori di petrolio accorsi in Pennsylvania ricorreranno allo stesso sistema e così, mentre lo stato Americano diventò la principale area petrolifera del mondo, il barile sarà il simbolo del nuovo business, nonché l’unità di misura fondamentale ancora oggi in uso (anche se oggi non si utilizzano più i barili per stoccare e trasportare il greggio).
Nell’immagine Edwin Drake, autore del primo impianto capace di estrarre petrolio dal sottosuolo

Le conseguenze di questo esperimento di Edwin Drake furono immediate e dirompenti al punto che questa scoperta viene considerata l’esordio della moderna industria petrolifera. Il petrolio andò quindi subito a sostituire l’olio di balena e viene subito ribattezzato “oro nero”. La produzione si spostò in altri Stati e le nazioni che avevano possedimenti coloniali iniziarono a sfruttare le considerevoli riserve petrolifere che erano lì. L’industria del petrolio crebbe lentamente con l’introduzione del motore a combustione interna e, sebbene fino al decennio del 1950, il carbone fosse ancora il combustibile più usato al mondo, il petrolio iniziò a soppiantarlo, al punto che agli inizi di questo secolo circa il 90% del bisogno di combustibile è coperto dal petrolio, che oggi alimenta tutto (automobili, camion, treni, navi, aerei) ed è considerata una fonte di energia facilmente utilizzabile e trasportabile. In questo periodo, il prezzo del petrolio era ai minimi storici assoluti ma va relazionato al contesto storico di pieno dopoguerra, agli albori del boom economico e della Guerra Fredda.

Il prezzo del petrolio subirà lievi oscillazioni, prima di impennarsi nel 1973, a causa della crisi energetica in cui per la prima volta si sollevò l’interesse nell’opinione pubblica circa i livelli di scorte petrolifere, portando alla luce la preoccupazione che il petrolio fosse una risorsa limitata e quindi destinata ad esaurirsi. Le quotazioni passarono rapidamente dai 3 ai 12 dollari nel successivo biennio, anche a causa della guerra del Kippur, dove Siria ed Egitto attaccarono Israele. Questa crisi pose fine al ciclo di sviluppo economico, il cosiddetto “boom”, provocando pesanti conseguenze sull’industria, che per la prima volta nella storia si trovò costretta ad affrontare il problema del risparmio energetico. In Italia, i più anziani ricorderanno le “domeniche a piedi”. Nel 1979, ci fu un’ulteriore crisi energetica che portò le quotazioni rapidamente dai 15 dollari ai 40 dollari al barile nei primi mesi del 1980 a causa principalmente dell’instaurazione del nuovo regime iraniano che provocò un calo della produzione che riprese solo dopo che questa crisi si concluse.
Broker Valutazione Regolamen-
tazione
Inizia ad investire
1 USA Allowed INVESTI ORA!
1 USA Allowed investi ora!
1 USA Allowed investi ora!
Durante la crisi petrolifera, l’Italia scoprì il fenomeno delle domeniche a piedi, l’obbligo di lasciare ferme le automobili: la più grossa operazione ecologica mai istituita

Seguì un lungo periodo caratterizzato da una lenta crescita della domanda mondiale in cui i prezzi tornarono finalmente a scendere grazie alla rivoluzione tecnologica che riuscì a ridurre i costi del greggio e a fruttare giacimenti un tempo considerati non economici o non raggiungibili. Le quotazioni tornarono quindi a scendere fino al prezzo di 10 dollari al barile, prezzo minimo toccato nel 1988. Ma ancora una volta i conflitti medio orientali che portarono alla Guerra del Golfo portarono il prezzo del petrolio nel biennio 1990-1991 a far salire le quotazioni fino a 40 dollari per barile, salvo poi tornare ad interessare l’area tra i 15 e i 20 dollari a conflitto concluso. Una nuova risalita di prezzi si avvierà quando gli Stati Uniti, a seguito della minaccia del terrorismo islamico, dichiareranno guerra all’Afghanistan e nuovamente all’Iraq, tanto che nel 2003 una seconda coalizione riuscì a rovesciare il regime di Saddam Hussein con un massimo delle quotazioni a 68 dollari al barile, fatto segnare nel 2005. Un record destinato a durare poco perché l’aggravarsi della crisi economica globale spingerà poi le quotazioni a 140 dollari al barile, il picco massimo di tutti i tempi. Dopo essersi stabilmente posizionato sopra i 100 dollari al barile, dal 2014 le quotazioni sono andate incontro ad una fase ribassista, che ha portato le quotazioni a toccare dei minimi a 27 dollari al barile, come non succedeva da 13 anni.

Con gli anni, infatti, le tecnologie per l’estrazione sono avanzate e i costi di estrazione del petrolio sono diminuiti, in particolare grazie alla tecnica del fracking, che permette di perforare la roccia per l’estrazione del greggio, portando alla nascita dell’industria dello shale oil. Questo innovativo tipo di produzione rende gli Stati Uniti più indipendenti nel soddisfare il proprio fabbisogno domestico.

E arriviamo ai giorni nostri, in cui il prezzo di equilibrio del petrolio è stimato intorno ai 50 dollari, prezzo interessante per chi lo produce e per chi lo deve comprare. Tuttavia, la battaglia politica sul petrolio rimane e non si esclude che gli Stati Uniti possano decidere, questa volta, di dichiarare guerra all’Iran. I paesi dell’Opec sono costantemente al lavoro per cercare soluzioni condivise, ma non mancano momenti di tensione.

Incendi ai pozzi petroliferi durante la Guerra del Golfo, che provocarono l’impennata delle quotazioni

La domanda e l’offerta

Per comprendere al meglio questa legge del mercato facciamo un passo indietro e torniamo agli albori della produzione moderna di greggio.
Nel 1861 entra in funzione la prima raffineria di greggio americana e nel 1865 viene terminata la costruzione del primo oleodotto mai realizzata, facendo diventare la Pennsylvania la meta di una corsa all’oro nero, dove torri di trivellazione sorgeranno come funghi ovunque vi sia il sospetto che il sottosuolo possa racchiudere petrolio, andando a modificare drammaticamente il paesaggio. Ben presto, però, il mercato sarà strapieno di greggio, di gran lunga superiore alla domanda e i prezzi collassano, causando la rovina di tutte quelle persone che cercando la ricchezza hanno impiegato risparmi o chiesto prestiti. Tuttavia, con altrettanta rapidità, i giacimenti sovrasfruttati diventano improduttivi e questo fenomeno, congiuntamente alla caduta degli investimenti, crea una carenza dell’offerta che fa schizzare i prezzi alle stelle. Finché il ciclo non ricomincia. In breve, fasi di boom e momenti di crisi che si alternano in modo repentino e imprevedibile diventano una caratteristica costante del mercato petrolifero, che vedrà le quotazioni salire o scendere vertiginosamente in corrispondenza del calo della domanda dovuto per esempio al perdurare di crisi economiche.

Nel corso degli ultimi anni, quindi, ha assunto particolare valore il monitoraggio della produzione dei barili di petrolio, attraverso i dati delle scorte di petrolio e dei prodotti da esso derivati. I dati sulle scorte di greggio vengono rilasciati ogni mercoledì alle 16.30 ora italiana sono dunque un driver fondamentale per conoscere il destino delle quotazioni, soprattutto nel breve termine
Broker Valutazione Regolamen-
tazione
Inizia ad investire
1 USA Allowed INVESTI ORA!
1 USA Allowed investi ora!
1 USA Allowed investi ora!

È il momento di acquistare petrolio?

La situazione attuale è particolarmente interessante, perché secondo quello che ci dicono gli indicatori economici dovremmo avviarci verso la fine di un lungo ciclo giunto quindi alla fase di surriscaldamento. Se, quindi, i timori di una recessione alle porte dovrebbero rivelarsi fondati, assisteremo ad una sensibile produzione delle scorte di petrolio, che dovrebbe rivelarsi un driver rialzista delle quotazioni.

Altri fattori determinanti in questa partita sono rappresentati dalla politica che il Presidente Trump intende realizzare in questi anni, nuovamente conservatrice e protezionista e, lo abbiamo visto sotto l’amministrazione Bush, questo potrebbe rivelarsi l’aspetto decisivo per il decollo delle quotazioni di petrolio. Potremmo trovarci di fronte allo scenario più preoccupante per l’economia, ovvero la stagflazione, che avviene quando l’economia rallenta o smette di crescere e, contemporaneamente, aumentano i prezzi al consumo. E nei prezzi al consumo naturalmente c’è il petrolio.

Più in generale, investire nel petrolio nei momenti di debolezza può rivelarsi interessante in quanto il petrolio rimane comunque attualmente la fonte energetica più importante nel mondo e l’aumento della popolazione mondiale con relativa industrializzazione anche dei paesi emergenti in via di sviluppo, rende i prezzi del greggio sempre destinati a salire. Chiaramente, assisteremo a delle oscillazioni, ma per esempio l’aumento delle fonti di energia rinnovabile non costituisce un particolare problema per i prezzi in quanto raggiunge un numero di persone ancora trascurabile rispetto al totale (e ha comunque i suoi costi da sostenere, al momento più alti di quello che si vorrebbe far credere)

Una piattaforma petrolifera in mare intenta all’estrazione del greggio

Negozia il petrolio con i CFD

Per investire nel petrolio ci sono varie possibilità. Il primo metodo, il più tradizionale, consiste nel fare trading direttamente sul prezzo del WTI, quotato al CME di Chicago o del Brent, quotato alla borsa di Londra. Il problema di questi strumenti è che richiedono ampi capitali per essere negoziati, pertanto si consiglia di utilizzare i CFD, che sono strumenti derivati a leva che replicano il sottostante e consentono anche ai trader meno capitalizzati di poter negoziare il petrolio e sono disponibili presso i migliori broker online. L’effetto leva risulta inoltre particolarmente idoneo a cavalcare i trend perché permette di realizzare ampi guadagni in breve tempo; facendo attenzione a non eccedere nella size nel caso sfortunato in cui la posizione dovesse andarvi contro (ricordate sempre di proteggervi con gli stop loss!).
Alternative all’investimento sono rappresentate da quelle aziende che operano nel settore petrolifero e sono quotate in Borsa. È possibile dunque negoziare queste azioni, o meglio i CFD sulle azioni, di aziende molto importanti come la francese Total, le americane Chevron ed Exxon Mobil e, guardando a casa nostra, le italiane ENI e Saipem.

Un grafico a candele settimanali del prezzo del petrolio ci mostra come i movimenti in trend siano piuttosto ampi e quindi vanno colti al meglio

L’analisi tecnica per fare trading con il petrolio

Il petrolio è uno strumento finanziario molto volatile e pertanto pericoloso se non maneggiato con esperienza. Come per ogni altro prodotto finanziario, bisogna astenersi dall’operatività nelle fasi in cui è laterale, oppure ridurre o allargare l’orizzontale temporale di riferimento per trovare appunto il trend. Se il trend del petrolio è al rialzo, cercate le migliori occasioni per andare Long. Viceversa, se il trend è al ribasso, cercate le migliori occasioni per andare short. Uno dei principali difetti dei traders non esperti è quello di cercare i punti di inversione del mercato, andando contro il trend principale. Vi dico una cosa: non provateci col petrolio perché rischiate di farvi malissimo! Basta prendere un grafico di breve o di lunghissimo termine per vedere come, spesso, il trend che il petrolio sviluppa, al rialzo o al ribasso, è piuttosto lungo pertanto seguitelo!

Per poter operare al meglio con l’analisi tecnica, dovete dotarvi di una piattaforma trading che sia adeguata al vostro modo di operare e vedere i grafici. Scegliete i grafici in base all’orizzonte temporale in cui volete operare: se siete investitori con orizzonti di lungo termine, per esempio, è inutile guardare un grafico con time frame a 5 minuti!
I grafici dovrebbero essere dotati di default di livelli sensibili orizzontali, dove il mercato è in passato è stato oggetto di forti vendite o forti acquisti (supporti e resistenze). Non è una garanzia per il futuro, ma spesso si osservano dei rimbalzi che sono occasioni da poter sfruttare, specialmente per chi fa trading di brevissimo termine.
Broker Valutazione Regolamen-
tazione
Inizia ad investire
1 USA Allowed INVESTI ORA!
1 USA Allowed investi ora!
1 USA Allowed investi ora!

Altri indicatori noti e trend-follower sono il SuperTrend che, scelto un time frame di riferimento, cambia colore in base alla fase di acquisto o vendita e poi fornisce un segnale di chiusura dell’operazione o, eventualmente, di inversione della posizione; il MACD per individuare le aree di prezzo interessate da ipercomprato e ipervenduto (utili per chi fa swing-trading) e le medie mobili, che descrivono con una curva l’andamento del prezzo nel corso del tempo e la cui concavità indica se ci troviamo in una fase di mercato più favorevole agli acquisti o alle vendite.

Non perdete mai di vista i dati settimanali sulle scorte di petrolio e raffinati perché influenzano il trend di breve termine

L’importanza dell’analisi fondamentale

Il petrolio può regalare enormi soddisfazioni nel trading di breve e lungo termine agli investitori che si riveleranno capaci di entrare al momento giusto, il che non è facile, ma dobbiamo sfruttare a nostro vantaggio tutte le possibilità che abbiamo.
L’informazione deve essere costante e valida: tutte le novità relative all’estrazione del petrolio, alla scoperta di nuovi giacimenti, sono utili e preziose per il vostro lavoro. Seguite le riunioni dell’OPEC, l’organizzazione mondiale dei Paesi esportatori di petrolio. L’OPEC è il cartello economico che negozia con le compagnie petrolifere gli aspetti relativi alla produzione del petrolio e dei suoi prezzi. Quando i Paesi non riescono a trovare un accordo, il prezzo del petrolio può variare sensibilmente. Tuttavia, ci sono anche paesi non-Opec che sono altrettanto influenti nelle decisioni, pertanto bisogna considerare entrambi gli aspetti se si decide, ad esempio, di tagliare la produzione, devono essere tutti d’accordo o questo può inasprire tensioni.
Altri fattori di rischio per la salita o la discesa dei prezzi, come abbiamo potuto vedere nella storia, sono l’inasprirsi di tensioni tra nazioni produttrici fino a provocare lo scoppio di una guerra. Infine, negli ultimi anni, si è tornati come già negli anni Settanta, a chiedere a gran voce di fermare il fenomeno del riscaldamento globale: la Terra si sta surriscaldando e l’utilizzo massiccio di combustibile inquinante aggrava la situazione, pertanto si sta cercando di promuovere lo sviluppo di energie alternative. Un tema che, al momento, è stato accolto solo in parte dall’Europa, ma che invece viene ignorato nelle Americhe e in Asia. L’Europa, ad esempio, è pronta a mettere al bando le automobili diesel per fare spazio a quelle elettriche.

Considerazioni finali per un trading vincente sul petrolio

Il petrolio, lo abbiamo osservato più volte, è uno strumento finanziario anticipatore dell’economia perché il suo prezzo di riferimento contribuisce all’espansione o alla recessione di un Paese o del mondo intero. Nel corso della storia, abbiamo visto come la quantità di petrolio a disposizione deve omogeneizzarsi alla situazione economica. Se il petrolio scarseggia per eccesso di domanda, siamo in una fase espansiva dell’economia e i prezzi saliranno alle stelle, consentendo di impiegare parte dei ricavi nella realizzazione di nuovi giacimenti e piattaforme di trivellazione. Se, invece, il petrolio stoccato è troppo rispetto alla domanda, sarà necessario liberarsi del petrolio in eccesso svendendolo e per evitare che questo accada, il cartello dell’OPEC cerca di mettersi d’accordo sulla quantità di petrolio da produrre.

Chiaramente, la situazione petrolifera viene messa a dura prova nei momenti in cui ci sono conflitti e guerre, come abbiamo visto accadere durante gli anni Settanta e durante le guerre del Golfo e in Afghanistan. Il prezzo del petrolio, come l’oro, è espresso in dollari pertanto varia in proporzione alla variazione del dollaro. Un dollaro debole, favorito dalle politiche che favoriscono le esportazioni, permette al prezzo di petrolio di salire. Un dollaro forte, invece, favorirà le importazioni dall’estero e vedrà il petrolio flettere.

Il petrolio sembra destinato a correre nel lungo termine, perché è ancora la principale fonte di energia mondiale, con un aumento di domanda crescente da parte dei paesi emergenti che stanno avendo una rapida espansione, specie al Sud-Est del mondo. Le modalità di estrazione del petrolio sono sempre le stesse, tuttavia si cercano modalità alternative. E alternative sono anche le energie che stanno cercando di soppiantare l’uso del petrolio (con la diffusione di automobili elettriche come Tesla), ma siamo ancora lontani affinché questo accada.
Broker Valutazione Regolamen-
tazione
Inizia ad investire
1 USA Allowed INVESTI ORA!
1 USA Allowed investi ora!
1 USA Allowed investi ora!

Le oscillazioni del petrolio sono dunque molto frequenti e per cui possono essere sfruttate nel breve, come nel lungo termine. Per negoziare il petrolio senza disporre di capitali importanti, utilizzate i CFD che sono contratti che vi consentono di negoziare sul prezzo del petrolio sia al rialzo che al ribasso! Fatevi aiutare dall’analisi tecnica, meglio se trend-following e dell’analisi fondamentale, ovvero studiate attentamente la situazione economica e geo-politica e monitorate settimanalmente la situazione delle scorte, il cui dato riflette in maniera importante la domanda e l’offerta.

Leave a Reply

[an error occurred while processing the directive]
[an error occurred while processing the directive] [an error occurred while processing the directive]