▷Dovresti comprare la criptovaluta Ethereum Si o NO?⇒ analisi

Gli Ethereum sono da comprare? Analisi tecnica e fondamentale

Dopo l’avvento del Bitcoin, madre di tutte le monete digitali, moltissime altre criptovalute stanno calamitando l’attenzione degli operatori finanziari. Molte hanno vita breve, ma alcune di esse sono realmente un’opportunità anche maggiore del Bitcoin stesso, perché possono crescere ed assicurare dei rendimenti che ormai il Bitcoin ha già pagato negli anni precedenti. In quest’ottica annoveriamo anche l’Ethereum, che ha molti punti di contatto con il Bitcoin.

Gli Ethereum sono un investimento sicuro?

Ethereum è la seconda criptovaluta più capitalizzata sul mercato, con un controvalore stimato in circa 23 miliardi di dollari alle quotazioni attuali. Proprio per questo, ha acquisito una fama davvero speciale che lo rende appetibile e negoziabile per provare a inseguire dei buoni profitti. La storia di Ethereum, come quella di molte altre criptovalute, inizia nel 2015 che è l’anno delle criptovalute per antonomasia in quanto è stato l’anno in cui abbiamo visto le ICO più importanti di monete digitali che tutt’oggi costituiscono un’alternativa al Bitcoin.

Il contributo decisivo che ha portato Ethereum ad essere così rilevante è da attribuire alla sua poliedricità, in quanto è visto dagli utenti sia come una moneta digitale da accumulare come una sorta di nuovo bene rifugio che come valuta da adoperare per effettuare acquisti online, in un’ottica di scambio basato sulla tecnologia Open Source.

Investire in Ethereum e nelle altre monete virtuali si sta quindi rivelando molto utile per diversificare il proprio portafoglio di investimenti, puntando su uno strumento finanziario molto volatile e quindi capace di regalare grandi soddisfazioni ai propri possessori soprattutto, ma non solo, in ottica di breve termine. Se questa tecnologia sarà in grado di diffondersi sempre di più, fino all’affiancare le monete tradizionali o addirittura soppiantarle, potremmo assistere ad un rally incredibile delle contrattazioni!

Le caratteristiche di Ethereum

Per poter girare sulla rete peer-to-peer, i contratti di Ethereum “pagano” l’utilizzo della sua potenza computazionale tramite una unità di conto, detta Ether, che funge quindi sia da criptovaluta che da carburante. In altre parole, contrariamente a molte altre criptovalute, Ethereum non è solo un network per lo scambio di valore monetario, ma una rete per far girare contratti basati su Ethereum. Questi contratti possono essere utilizzati in maniera sicura per eseguire un vasto numero di operazioni: sistemi elettorali, registrazione di nomi dominio, mercati finanziari, piattaforme di crowdfunding, proprietà intellettuale e molto altro.

È dunque una rete pubblica basata sulla tecnologia della blockchain e in più essendo Open Source permette, a tutti gli sviluppatori che ne sono in grado, di modificare direttamente il codice sorgente di tutto il sistema ottenendo un’ottimizzazione continua della piattaforma.

L’altra importante caratteristica di Ethereum è rappresentata dagli smart contracts, ovvero contratti intelligenti.

Broker Valutazione Regolamen-
tazione
Inizia ad investire
1 USA Allowed INVESTI ORA!
1 USA Allowed investi ora!
1 USA Allowed investi ora!
In primo piano, il logo di Ethereum

Che cosa sono gli smart contract

Andiamo a scoprire nel dettaglio cosa sono gli smart contracts e come funzionano.
Gli smart contracts applicano in maniera rigorosa delle precise istruzioni senza possibilità di sbagliare, eseguendo le istruzioni che vengono loro fornite da un computer.
Le caratteristiche principali degli smart contracts sono:

  • Funzionano come account “multi-firma”, in modo che i fondi vengano spesi solo quando una percentuale richiesta di persone è d’accordo
  • Gestiscono gli accordi tra gli utenti, ad esempio, se uno acquista un’assicurazione dall’altro
  • Forniscono utilità ad altri contratti (simile a come funziona una libreria software)
  • Archiviano informazioni su un’applicazione, ad esempio informazioni sulla registrazione del dominio o record di appartenenza.

In soldoni, gli smart contracts costituiscono una protezione, un fattore di sicurezza aggiuntivo alle transazioni a garanzia dell’esecuzione dei pagamenti effettuati tramite la blockchain. Il modo con cui lavorano porterà al risultato che il contratto verrà condiviso (e immodificabile da quel momento) sotto forta di algoritmo all’interno della blockchain, suggellando quindi la completa sicurezza della compravendita.

Che cos’è la DAO e perché è importante

Una DAO è un gruppo di persone con affinità di idee che si riunisce per ottenere uno specifico scopo, acronimo di Decentralized Autonomous Organization.Cosa vuol dire questo?

La Rivoluzione Digitale del 21esimo secolo sta distruggendo moltissimi lavori, attraverso l’automazione e la robotica, e solitamente coloro che vengono colpiti da questa innovazione sono tutti coloro che orbitano in quelle fasce di lavori che sono alla base della catena produttiva, “at the bottom”. Invece, coloro che sono in alto alla piramide, quindi CEO, stakeholders, shareholders di una azienda, sono generalmente esenti da questo tipo di progresso tecnologico.

Ecco, una DAO vuole digitalizzare questi ruoli. O meglio, il Board of Direction e gli azionisti di una azienda ha il ruolo di pensare e poi perseguire una mission e altri imperativi morali che permettano di generare profitto. Attraverso l’utilizzo di Smart Contract, la visione della azienda può essere crittografata, perseguita, rimanendo immutabile e non modificabile, eseguendo autonomamente gli ordini programmati ed inscritti.

Come funziona Ethereum?

La struttura della blockchain di Ethereum è molto simile a quella del bitcoin, in quanto è un record condiviso dell’intera cronologia delle transazioni. Ogni nodo sulla rete memorizza una copia di questa cronologia.
La grande differenza con Ethereum è che i suoi nodi memorizzano lo stato più recente di ciascun contratto intelligente, oltre a tutte le transazioni Ethereum.

Per ogni applicazione Ethereum, la rete deve tenere traccia dello “stato” o delle informazioni correnti di tutte queste applicazioni, incluso il saldo di ciascun utente, tutto il codice dello smart contract e il luogo in cui è archiviato.

Ethereum è una complessa rete di transazioni mutuali e registrate

Sembra più complesso, ma in realtà l’idea è abbastanza semplice. Ogni volta che viene effettuata una transazione in bitcoin, la rete “interrompe” l’importo totale come se fossero banconote, emettendo nuovamente bitcoin in un modo che fa sì che i dati si comportino in modo simile alle monete fisiche o al cambiamento. Per effettuare transazioni future, la rete bitcoin deve sommare tutti i tuoi cambiamenti, che sono classificati come “spesi” o “non spesi”.

Ethereum, invece, utilizza gli account. Come i fondi dei conti bancari, i token Ethereum compaiono in un portafoglio e possono essere trasferiti (per così dire) a un altro conto. I fondi sono sempre da qualche parte, ma non hanno quello che si potrebbe definire una relazione continua.

Broker Valutazione Regolamen-
tazione
Inizia ad investire
1 USA Allowed INVESTI ORA!
1 USA Allowed investi ora!
1 USA Allowed investi ora!

I vantaggi di questa criptovaluta

  1. Ethereum, essendo un sistema decentralizzato, è completamente autonomo e non è controllato da nessuno. Non ha alcun punto centrale di errore, poiché è gestito da migliaia di computer di volontari in tutto il mondo, il che significa che non potrà mai andare offline. Inoltre, le informazioni personali degli utenti rimangono sul proprio computer, mentre i contenuti, come app, video, ecc., mantengono il pieno controllo dei suoi creatori senza dover obbedire alle regole imposte dai servizi di hosting come Apple Store e Google Store.
  2. In secondo luogo, è importante capire che, sebbene costantemente confrontati tra loro, Ethereum e Bitcoin sono due progetti completamente diversi con obiettivi completamente diversi. Bitcoin è la prima criptovaluta e un sistema di trasferimento di denaro, costruito e supportato da una tecnologia di contabilità pubblica distribuita chiamata Blockchain.
  3. Ethereum ha invece preso la tecnologia dietro Bitcoin e ha sostanzialmente ampliato le sue capacità. È un’intera rete, con un proprio browser Internet, linguaggio di codifica e sistema di pagamento. Ancora più importante, consente agli utenti di creare applicazioni decentralizzate sulla Blockchain di Ethereum.

Tali applicazioni possono essere idee completamente nuove o rielaborazioni decentralizzate di concetti già esistenti. Questo essenzialmente elimina l’intermediario e tutte le spese associate al coinvolgimento di una terza parte. Ad esempio, l’unico profitto derivante dagli utenti che “piacciono” e “condividono” i post del loro musicista preferito su Facebook è generato da un annuncio pubblicitario posto sulla loro pagina e va direttamente a Facebook. In una versione di Ethereum di tale social network, sia gli artisti che il pubblico avrebbero ricevuto premi per comunicazioni e supporto positivi. Allo stesso modo, in una versione decentralizzata di Kickstarter, non otterrai solo alcuni artefatti per il tuo contributo all’azienda, riceverai una parte dei profitti futuri dell’azienda. Infine, le applicazioni basate su Ethereum rimuoveranno tutti i tipi di pagamenti a terzi per affascinanti servizi di ogni tipo.

Quale moneta digitale preferire nel breve termine? E quale nel lungo termine?

Investire in Ethereum con i CFD

Abbiamo spiegato tutte quelle che sono le enormi potenzialità di Ethereum ma adesso vogliamo capire come fare per investire in modo sicuro?

L’aspetto di fondamentale importanza che hanno gli investimenti, in criptovalute come in altre asset-class è che bisogna affidarsi a broker online certificati che siano autorizzati ad operare sul suolo italiano per mezzo delle società che si occupano del controllo dei mercati finanziari. Tutto questo per evitare di incappare in spiacevoli raggiri o truffe che purtroppo circolano sempre in rete quando si parla di investimenti finanziari e da cui ci si salva solo con la conoscenza.

Per questo, il nostro personale consiglio è quello di non acquistare Ethereum sotto forma di criptovaluta pura, così non dovrete prendervi nemmeno la briga di custodire e salvare le informazioni relative. Sarà sufficiente utilizzare i CFD, acronimo di contratti per differenza.


I CFD sono strumenti derivati a leva che replicano il sottostante e vengono utilizzati per negoziare i principali strumenti finanziari, tra cui azioni, indici, materie prime e naturalmente le nostre criptovalute e in modo particolare gli Ethereum.

Il vantaggio di fare trading online con i CFD è di poter operare all’interno di piattaforme che sono autorizzate e regolamentate e con la liquidità segretata. Questo per darvi protezione massima ed evitare tutte quelle situazioni indesiderate che purtroppo sono già successe in materia di criptovalute. In più, non limitandoci al mero possesso dell’asset, possiamo eventualmente, oltre che nel rialzo, puntare al ribasso delle quotazioni, a seconda di cosa riservano le opportunità finanziarie al momento. Un arma in più fa sempre bene, non trovate?

Naturalmente, questo tipo di strumenti va adoperato dalla parte giusta per evitare di farsi trovare impreparati e incorrere a spiacevoli perdite. La leva è uno strumento potentissimo e va quindi usato con parsimonia: inutile impiegare capitale troppo alto, fatevi bene i conti ed investite poco, quello che potete permettervi di perdere. Siate saggi.

Broker Valutazione Regolamen-
tazione
Inizia ad investire
1 USA Allowed INVESTI ORA!
1 USA Allowed investi ora!
1 USA Allowed investi ora!

Cenni di analisi delle quotazioni

Le quotazioni dell’Ethereum sono iniziate a salire verso il primo trimestre del 2016, in concomitanza con tutte le altre principali criptovalute. Dopo un “leggero” ritracciamento, il 2017 è stato l’esplosione delle quotazioni che nel caso di Ethereum sono partite quando i prezzi hanno superato i 300 dollari. Il massimo storico che Ethereum ha raggiunto è stato di 1386 dollari a gennaio del 2018, anno che ha poi visto le quotazioni inventire drammaticamente, fino a raggiungere gli 80 dollari a dicembre. Con la fine dell’anno, il 2019 si è aperto nuovamente all’insegna del rialzo, più timido rispetto a quello precedente ma che per questo potrebbe rivelarsi più sano e duraturo. Le quotazioni hanno raggiunto nuovamente i 300 dollari prima di ritracciare e ad andare a interessare, ai prezzi attuali, la fascia di prezzo al di sopra dei 200 dollari.

Quello che appare lampante da questa breve storia delle quotazioni è che le criptovalute sin qui sono state caratterizzate da fortissimi trend e per questo motivo è consigliatissimo fare trading seguendo la tendenza del mercato e mai anticiparla andandogli contro. L’utilizzo dei CFD, d’altronde, consente di guadagnare anche dalla discesa delle quotazioni.

Arriviamo al dunque: investire in Ethereum si o no?

Alla luce di quella che è l’analisi che abbiamo appena discusso possiamo convenire sul fatto che più che investire in Ethereum, dove per investire intendiamo logiche di lungo termine, sia meglio fare trading di breve termine e sfruttare le ampiezze che vengono generate dall’alta volatilità di questo strumento.

Sì, piccole accumulazioni di Ethereum che non superino l’1% del capitale totale d’investimento si possono accantonare se avete orizzontali temporali più lunghi ma è bene ricordare che abbiamo visto come gli exchange si sono rivelati inaffidabili nel tempo perché possono anche chiudere da un momento all’altro e voi non avreste alcuna garanzia perché il vostro investimento non si può definire sicuro al 100%.

Meglio dunque utilizzare i Contratti per Differenza, CFD, che sono strumenti finanziari messi a disposizione dai migliori broker online che vi permettono di fare trading in criptovalute senza doverle possedere “fisicamente” e quindi proteggersi dai rischi che si incorrono.

Bitcoin vs Ethereum: chi preferire?

Domanda lecita alla quale proveremo a rispondere, visto e considerato che stiamo parlando delle due monete virtuali a maggiore capitalizzazione, anche se quella del Bitcoin è oltre dieci volte superiore.

Per capitalizzazione e liquidità (importante per fare operazioni veloci) va senz’altro preferito Bitcoin che tuttavia ha meno monete disponibili. Ethereum, invece, ha una tecnologia migliore e, come abbiamo visto,fornisce più usi di Bitcoin per cui potrebbe avere prospettive di crescita anche migliori rispetto al suo principale concorrente.

Sulla base del fatto che Ethereum ha più casi d’uso di Bitcoin – e quindi ha uno scopo più grande – posso dire che è davvero un’alternativa Bitcoin complessivamente migliore. Forse non è la migliore alternativa a Bitcoin, poiché ci sono altre criptovalute che hanno lo stesso scopo di Bitcoin e funzionano con tecnologie e protocolli più recenti. Questo non vuol dire che queste altre alternative siano migliori di Ethereum. Significa solo che, poiché sono più simili a Bitcoin, una di loro potrebbe essere la migliore alternativa a Bitcoin. Non significa necessariamente che siano una migliore alternativa a Ethereum.

Broker Valutazione Regolamen-
tazione
Inizia ad investire
1 USA Allowed INVESTI ORA!
1 USA Allowed investi ora!
1 USA Allowed investi ora!

Guida all’acquisto di Ethereum in 5 minuti

Una volta scelto lo strumento finanziario che si vuole negoziare al rialzo o al ribasso, selezionate il vostro broker preferito andando sul vostro browser di Internet ed entrando nella homepage di Plus500 : vi comparirà questa schermata

Il broker vi offrirà quindi la possibilità di selezionare tra conto con denaro reale e conto demo di prova gratuita:

Una volta che avete scelto la modalità di conto che vi interessa, è il momento di selezionare lo strumento finanziario che volete negoziare. Andate nell’apposita funzione di ricerca – la barra con la lente di ingrandimento – e scrivetene il nome oppure trovatelo nei menu suddivisi per asset. Così:

Dopo aver scelto lo strumento finanziario su cui investire, comparirà un menu come questo nella foto in basso dove poter cliccare su Acquista o Vendi per procedere all’esecuzione del trade:

La piattaforma esegue per voi il trade selezionato e sarà possibile controllare l’andamento in tempo reale in alto nella piattaforma, oppure nell’apposito menu che vi informa delle posizioni aperte. Complimenti, avete impostato con successo il vostro primo trade su Plus500!

Leave a Reply

[an error occurred while processing the directive]
[an error occurred while processing the directive] [an error occurred while processing the directive]